Come si forma la neve
By Eleonora On 16 nov, 2013 At 09:18 AM | Categorized As Didattica | With 0 Comments

FioccodineveLa neve, il mistero bello e bianco non altro che una  forma particolare di precipitazione atmosferica costituita da cristalli di ghiaccio minuscoli.La neve ha sempre affascinato l’uomo e particolarmente nelle zone montane questo fenomeno ha originati proverbi e modi di dire. Come si forma la neve? Come è noto l’acqua mantiene la sua temperatura più a lungo rispetto a ciò che la circonda perciò in alta atmosfera la polvere dispersa diventa fredda mentre l’acqua continua ad essere sotto forma di vapore. Quando un granello di polvere gelata entra in contatto con una goccia di vapore, la goccia si raffredda velocemente e si formeranno i cristalli di neve.

La neve, quella che comunemente indichiamo con quel sostantivo altro non è che  cristalli caduti  al suolo. Il delicato  processo atmosferico può avvenire solo quando la temperatura a terra è inferiore allo 0 (zero) ma si aggira intorno a -2, altrimenti la neve si scioglie diventando acqua.

La neve in assenza di vento cade in modo uniforme, al contrario  essa cade secondo la direzione e la forza del vento, in quel caso si parlerà di tormenta di neve.

La temperatura e l’umidità atmosferica determinano il grado di coesione dei cristalli in fiocchi più o meno grossi. La forma del cristallo dipende dalla temperatura e dall’umidità che il cristallo incontra durante la sua discesa al suolo. Difficilmente si possono trovare cristalli uguali fra loro perché la loro forma dipende da eventuali variazioni termiche, dalla tipologia della nuvola.

Il cristallo cresce di dimensione quando entra in contatto con altri cristalli. Un fiocco di neve è formato da alcune migliaia di cristalli e la neve conserva al sui interno grosse quantità di aria.

La neve, anche se solo gli occhi esperti possono percepirle,  presenta delle proprietà fisiche particolari:

  • La densità:  varia secondo il tipo di neve.
  • Contenuto in acqua libera: determina la resistenza della neve alla trazione e al taglio.
  • Gradiente termico:  la differenza di temperatura fra il suolo e il manto nevoso.
  • Coesione: l’adesione dei cristalli nevosi.
  • Resistenza allo sforzo meccanico: la capacità delle neve di opporsi alla compressione o al taglio del manto nevoso.

Tanti sono i fenomeni legati alla neve, ne illustriamo alcuni su cui è necessario dare qualche delucidazione, infatti bisogna distinguere fra tormente e imbiancate; le tormente di neve sono intense precipitazioni nevose, mentre l’imbiancata è una nevicata piuttosto leggera. Per avere delle precipitazioni abbondanti di neve la temperatura dell’aria deve essere sotto lo 0 ma non troppo bassa, perché i cristalli i fiocchi di diventerebbero troppo piccoli. Parte fondamentale della neve è il fiocco. La vita di un fiocco è costituita da vari momenti. Nella nuvola si crea un prisma esagonale e sui vertici si creano lentamente le punte delle stelle di neve, poi il fiocco si scontra con gocce di vapore acqueo che si ghiacciano e si depositano soprattutto ai vertici.

Commenti

commenti

Leave a comment

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>