Meteo e Scienza

Martedì torna la neve sulle Alpi, ma niente freddo!

Evoluzione meteo 14 gennaioCome scritto diversi giorni fa, l’Italia sta vivendo ancora un clima di stampo autunnale, con valori termici ovunque sopra media. La situazione al momento non sembra volersi sbloccare, e da martedì una nuova perturbazione atlantica (fig1) riporterà piogge e nevicate a quote medio-alte.  Le temperature rimarranno invariate, un leggero calo si avvertirà solo in quota, mentre per quanto riguarda la neve ,cadrà solo al di sopra dei 1000-1200 metri sulle Alpi, 1200-1600 sull’Appennino.

Notizie più confortanti arrivano però dal resto d’Europa, specie centro orientale, proprio tra la Scandinavia e l’Islanda si formerà un anticiclone che cercherà di bloccare l’invadenza atlantica, favorendo il raffreddamento nelle zone continentali tra Russia e Polonia; Mosca nei prossimi giorni perderà fino a 15°c.

In Italia arriverà il grande freddo?

20gennaioAl momento non ci sono ancora le basi per sperare nel grande freddo, il “Vortice Polare” canadese resterà in buona salute e continuerà a condizionare il clima nel comparto Mediterraneo, tuttavia gli affondi atlantici si faranno più meridiani (Fig2) e quindi risulteranno essere più freddi, già attorno al 20 di gennaio infatti, potrebbe arrivare aria più fredda di origine artico marittima con precipitazioni e neve a quote più consone con il periodo.

Freddo polare quindi ancora lontano , ma qualcosa potrebbe cambiare a partire dalla fine di gennaio. Seguite i prossimi aggiornamenti.

 

Recensioni degli utenti... 0 Effettua il login per votare

Sii il primo a lasciare un voto.